Cos'è e come funziona SADM

Il Servizio di Assistenza Domiciliare Minori è destinato a minori residenti nel comune di Monterotondo che presentano situazioni problematiche definite a “rischio psico-sociale” a causa problemi di salute fisica o mentale, di assenza temporanea o permanente dei genitori, povertà sul piano socio-culturale e/o economico, evasione dell’obbligo scolastico o altri gravi motivi che possano minacciare il processo evolutivo. Il servizio mira ad un cambiamento e ad un miglioramento delle condizioni di vita dell’intero nucleo familiare consentendo la permanenza del minore nel suo ambiente di origine. L’intervento si caratterizza per la sua azione a valenza educativa e si prefigge, attraverso interventi di aiuto alla famiglia ed al bambino/adolescente, il sostegno alla educazione del bambino/adolescente, di sostegno alla vita di relazione, di evitare l’istituzionalizzazione e di favorire lo sviluppo dei livelli di autonomia personale dell’utente, ricercando la possibilità di una vita integrata nel territorio.

Il SADM si caratterizza, quindi, per una articolazione di obiettivi che, seppur canalizzati a situazioni di difficoltà personale e familiare, assumono un respiro più ampio e intervengono anche in termini preventivi, su quei fattori che rischiano di compromettere le capacità di relazione del minore, inducendolo a comportamenti di emarginazione e devianza.

Il Servizio viene svolto in convenzione con il Comune di Monterotondo e prevede la collaborazione della ASL RM G e, in alcuni casi, del Tribunale dei Minori. Le prestazioni sono svolte in orario diurno, indicativamente nella fascia 8,00-20,00 nei giorni feriali per tutto l’anno solare, tranne diversa indicazione del Servizio Sociale.

Modalità di accesso al servizio SADM

Lo possono richiedere i genitori o altri familiari previa valutazione dei Servizi territoriali, oppure su disposizione della Magistratura minorile e/o civile.

Cos'è e come funziona Incontri Protetti/Spazio Neutro

La finalità principale del Servizio Incontri Protetti/Spazio Neutro è di rendere possibile e sostenere il mantenimento della relazione tra il bambino e i suoi genitori a seguito di separazione, divorzio conflittuale, affido e altre vicende di grave e profonda crisi famigliare. Principali destinatari dell'intervento sono i bambini con il loro diritto a: "mantenere relazioni personali e contatti diretti in modo regolare con entrambi i genitori, salvo quando ciò è contrario al maggiore interesse del bambino" (ONU convenzione dei diritti dell'infanzia art. 9 1989, New York).

Modalità di accesso al servizio Incontri Protetti/Spazio Neutro

Lo possono richiedere i Servizi Sociali territoriali in presenza o meno di una disposizione della Magistratura minorile e/o civile.